×
Bunte Geranien aller Art.

FAQ – Domande frequenti sulla cura dei Gerani

Come si piantano i Gerani? Quali varietà di Gerani esistono? I Gerani sono ‚amici delle api‘? Qui troverai le risposte a queste e a molte altre domande comuni sui Gerani.

IMPARA LE CONOSCENZE DI BASE >
INFORMAZIONI SULLE PIANTE DI GERANIO >
CONSIGLI SU COME PRENDERSI CURA DEI GERANI >
CONSIGLI UTILI PER PROBLEMI COMUNI PRIMO SOCCORSO >

Se una pianta perde i fiori, di solito significa che sta reagendo a un forte stress. Se un geranio perde i fiori all’inizio della primavera, probabilmente è stato tenuto in condizioni di eccessiva oscurità per diversi giorni durante il tragitto dal vivaio al punto vendita, o al punto vendita. Minore è la distanza dalla serra al punto vendita, minore è lo stress per le piante e migliore è la qualità.
Anche troppe annaffiature (ben intenzionate) in aprile e maggio possono portare alla caduta dei fiori.

Conoscenza di base

I Gerani sono fiori facili da curare, che sbocciano in primavera. Puoi piantarli nelle fioriere da finestra, nei vasi o nelle aiuole.

I Gerani sono tra le piante ornamentali più popolari in assoluto. In Europa ne vengono venduti più di 400 milioni ogni anno.

Spesso le persone usano i nomi “Geranio” e “Pelargonio” per riferirsi alla stessa pianta. “Pelargonium” è il suo nome botanico.

“Geranium” è tecnicamente un genere diverso di pianta – una perenne resistente. Tuttavia, il nome “Geranio” viene usato sempre più comunemente per descrivere i Pelargoni.

Per non fare confusione, alcuni si riferiscono alla pianta perenne resistente come “Geranio resistente” o “Geranio Cranesbill”, mentre la pianta da aiuola e da balcone si chiama semplicemente “Geranio”, o in alternativa “Pelargonio”.

In totale ci sono più di 200 specie di Gerani. Molte si trovano solo come piante selvatiche nell’Africa meridionale. Le seguenti specie di Geranio si trovano invece più comunemente nei negozi:

i Gerani eretti (Pelargonio zonale) sono più adatti alle aiuole e ai vasi. Crescono cespugliosi e raggiungono un’altezza di 25-40 cm.

I Gerani edera (pelargonium peltatum) possono trasformare fioriere o cesti appesi in cascate di fiori pendenti. Formano germogli lunghi fino a 150 cm.

I Gerani interspecifici
possono essere piantati in contenitori, fioriere o aiuole. Sono incroci speciali tra Gerani pendenti e Gerani eretti, che sono particolarmente resistenti alle intemperie e crescono in modo molto vigoroso.

I Gerani odorosi (pelargonium sp.)
sono generalmente coltivati in vaso.
Non hanno fiori particolarmente voluminosi – ma gemme solitamente più piccole e delicate e foglie dal profumo di limone, menta, rosa o anche cioccolato. Con i fiori e le foglie dei Gerani odorosi coltivati biologicamente, la limonata fatta in casa è buonissima e l’insalata diventa più gustosa. I Gerani odorosi crescono cespugliosi.

Il Pelargonio Imperiale (Pelargonium grandiflorum)
A differenza delle altre, questa varietà ama essere piantata all’interno, in un luogo luminoso. Ha bellissimi fiori extra-large. È possibile riconoscerla perché i bordi del suo fogliame sono leggermente seghettati. Questa varietà cresce eretta e compatta. A volte i Pelargoni imperiali vengono denominati anche “Pelargoni inglesi”.

Qui puoi trovare maggiori informazioni su queste e altre varietà, come i Gerani “fantasia” o “a farfalla”.

Sì, i Gerani sono molto resistenti e facili da curare. Infatti, prosperano e fioriscono quasi da soli. Qui trovi gli aspetti importanti per la cura dei Gerani.

Più luce ricevono i Gerani, meglio fioriscono. La posizione ideale è soleggiata o semi-ombreggiata. I Gerani tollerano anche il pieno sole di mezzogiorno.

Le classiche varietà di Geranio da esterno fioriscono nel Regno Unito da maggio in poi. Le varietà di Geranio veloci a fiorire possono anche essere trovate prima nei negozi. I Pelargoni imperiali, originariamente coltivati come piante da appartamento, possono fiorire già a marzo.

I Gerani fioriscono fino a ottobre. In caso di autunno caldo e soleggiato, anche oltre. Il tempo esatto dipende dalla temperatura e dalle condizioni di luce.

In luoghi semi-ombreggiati, la fioritura diminuisce notevolmente in autunno.

Per mantenere i Gerani belli a lungo, bisogna annaffiarli e concimarli regolarmente, togliere i fiori appassiti e metterli in un posto luminoso e soleggiato.

I Gerani non sono tossici per l’uomo. I fiori e le foglie dei Gerani odorosi possono anche essere mangiati, se coltivati organicamente (assicurarsi di controllare l’etichetta).

I Gerani non sono tossici per cani e gatti, ma i piccoli mammiferi come conigli, i porcellini d’India e i criceti non dovrebbero mangiarli.

Si dice che i Gerani odorosi aiutino a respingere le zanzare. I Gerani al limone e i Gerani profumati al pino, in particolare, sprigionano oli essenziali che possono scoraggiare le zanzare.

I Gerani, solitamente, possono rigenerarsi dopo un leggero danno da gelo, ma solo se le foglie sono congelate; i gambi e le radici devono essere ancora intatti. Tuttavia, si sconsiglia di piantare i Gerani all’esterno quando si prevedono ancora gelate notturne.

In linea di principio, è possibile propagare i Gerani da soli. Puoi seminare Gerani o prendere talee da piante esistenti. In ogni caso, ciò comporta uno sforzo.

È preferibile prendere le talee in luglio o agosto. Poi, si dovrebbero fornire condizioni ottimali di radicazione per diverse settimane. I Gerani, come altre piccole piante, resistono all’inverno.

I semi di Geranio vengono seminati nei mesi di gennaio o febbraio. I gerani germogliano a circa 21° C dopo 10-20 giorni. Poi, bisogna separarli e coltivarli con molta luce e calore.

I Gerani propagati solitamente fioriscono più tardi rispetto alle piante acquistate. Questo accade perché in casa non è possibile offrire le condizioni ottimali in termini di temperatura e luce, presenti invece in una serra professionale.

, è possibile comprare i semi di Geranio. Tuttavia, coltivarli a partire dal seme richiede molto sforzo, e non ci sono tante varietà disponibili.

I semi di Geranio dovrebbero essere seminati a gennaio o febbraio. I Gerani germogliano a circa 21° C dopo 10-20 giorni. Poi, bisogna separarli e coltivarli con molta luce e calore.

I Gerani seminati in casa, solitamente, fioriscono più tardi rispetto alle piante acquistate. Questo perché in casa non è possibile offrire le condizioni ottimali in termini di temperatura e luce, che invece riceverebbero in una serra professionale.

Le varietà di Geranio a fiore singolo o semi-doppio producono polline e a volte anche nettare, che le api apprezzano, soprattutto quando il cibo scarseggia in autunno.

Le varietà a doppia fioritura producono poco cibo per gli insetti. Tuttavia, un balcone con Gerani può diventare un paradiso per gli insetti. Durante tutto l’anno, le api possono trovare cibo nelle fioriere colorate se pianti timo o lavanda con i Gerani.

, ci sono varietà di Gerani commestibili per l’uomo, purché non siano trattate con pesticidi chimici. I loro fiori possono essere usati per decorare le insalate e le foglie dei Gerani odorosi possono decorare limonate, dolci e altri piatti. In ogni caso, è molto importante controllare l’etichetta delle piante che si comprano e mangiare solo le varietà che dichiarano di essere commestibili, il che di solito significa che sono state coltivate biologicamente.

I Gerani non hanno un buon sapore per gli animali. Anche le lumache solitamente non sono interessate ai Gerani.

Se cani e gatti rosicchiano i Gerani, non è un grosso problema. I Gerani non sono velenosi per loro.

I piccoli mammiferi come conigli, porcellini d’India e criceti sono una questione diversa. Loro non dovrebbero rosicchiare questi fiori estivi.

Sì, certo! I Gerani sono fiori particolarmente belli recisi. E non importa se sono i fiori dei Gerani eretti, pensili, i Pelargoni imperiali o altre varietà: tutti i Gerani possono essere combinati bene con altri fiori recisi ed essere trasformati in bellissimi mazzi estivi.

, esistono Gerani per interni. I Pelargoni imperiali sono piante d’appartamento, che vengono vendute dai primi di aprile.

Inoltre, dopo la prima fioritura, i Gerani possono essere spostati in un luogo riparato, dove molto probabilmente fioriranno di nuovo.

Piante di Geranio

I rivenditori specializzati ad esempio nel Regno Unito offrono i primi Gerani verso Pasqua. A fine marzo/inizio aprile, questi sono spesso i cosiddetti “Pelargoni imperiali”. Sono adatti a luoghi luminosi in casa.

Da metà aprile, sempre più Gerani sono venduti per essere piantati all’esterno.

La più grande selezione è disponibile a maggio.

È impossibile indicare un prezzo generale per i Gerani nel Regno Unito, perché dipende dalla varietà e dalla qualità. Per esempio, se acquisti una pianta completamente cresciuta, continuerà a crescere e fiorirà abbondantemente in pochissimo tempo, ma se acquisti una pianta più piccola o una piantina, queste avranno bisogno di cure extra all’inizio, finché non si stabilizzeranno.

Più piccola è la pianta, più cura è necessaria in casa fino alla fioritura dei Gerani.

Gerani eretti e pensili

Nei vivai e nei centri di giardinaggio ci si può aspettare di pagare
dai 3 euro circa per una buona pianta standard, che solitamente si trova in un vaso con un diametro di 10,5 cm. All’inizio della stagione capita che siano in vendita per un po’ meno.

Varietà vigorose in vasi da 12 cm costano un po’ di più.

I Gerani ‘solitari’ in vasi di 13 cm o più grandi costeranno anche di più.

A volte si possono comprare piccoli Gerani – conosciuti come piantine – in confezioni multiple online o nei discount per un costo inferiore.

Per le fioriere lussureggianti, i Gerani in vasi da 12 cm sono la scelta migliore, ma anche la varietà standard può funzionare molto bene, impiegando un po’ più tempo a crescere a causa dei buchi nella superficie di piantagione.

Nei contenitori, i Gerani di qualità superiore in un vaso da 13 cm o più grande saranno molto belli. Tuttavia, non c’è bisogno di comprare gerani grandi come quelli per le fioriere, perché le scatole dovrebbero essere molto voluminose per far sì che le zolle si ambientino bene.

Le ragioni delle differenze di prezzo sono:

La coltivazione di Gerani grandi consuma più risorse di quella dei più piccoli. Infatti, quelli di dimensioni maggiori hanno bisogno di più spazio nella serra. Vi crescono anche più a lungo di quelli piccoli. Quelli grandi hanno anche bisogno di vasi più grandi, più terra, più acqua, più fertilizzante e più lavoro.

Pelargoni imperiali
I Pelargoni imperiali si trovano solitamente allo stesso prezzo delle altre piante d’appartamento.

I Gerani di buona qualità si riconoscono da questi quattro fattori:

  • crescita cespugliosa
  • germogli forti
  • abbondanza di gemme
  • zolla ben radicata

Non appena finisce la minaccia di gelate notturne, è possibile piantare i Gerani all’esterno. Nel Regno Unito ad esempio questo può accadere in qualsiasi momento da marzo a maggio, a seconda di dove si vive.

Se si vuole comunque piantarle prima, qui ti spieghiamo come proteggere le piante dal gelo notturno.

Il terriccio fresco, specialmente per i Gerani, è preferibile, ma in generale anche quello per balconi e piante in vaso, o un terriccio universale di buona qualità, funzionerà bene.

Come riconoscere un buon terriccio:

– ha un piacevole odore di terra
– è uniformemente friabile
– ha additivi come argilla e perlite

Il terriccio inadeguato avrà già un odore di muffa quando si aprirà il sacchetto, potrebbe mostrare muffe e i moscerini dei funghi potrebbero volare quando ci metterai le mani dentro. Anche i residui di plastica nel terriccio sono segni di scarsa qualità.

Il terriccio fresco rende facile la cura. Questo per due motivi.

1. I Gerani hanno bisogno di molte sostanze nutritive.
Con un terriccio fresco e pre-concimato, le piante inizieranno la stagione in modo ottimale.

2. Dopo una lunga estate nella fioriera o in un contenitore, il vecchio terreno perde gran parte della sua struttura. Non trattiene l’acqua così bene come la terra fresca. Anche il rapporto tra pori grossi e fini cambia nel tempo.

Il vecchio terreno può essere compostato o utilizzato per migliorare quello di altre aiuole.

La distanza ottimale tra le singole piante è di 20 cm.

Regola generale:

scatola da 40 cm: 2 gerani
scatola da 60 cm: 3 gerani
scatola da 80 a 100 cm: 4 gerani
vaso < 20 cm di diametro: 1 geranio
vaso > 20 cm di diametro: 2 gerani o più

Per dare alle radici abbastanza spazio, il vaso dovrebbe essere alto 20 cm.
Sappiamo che molti vasi, però, sono più bassi. Noi consigliamo di non comprare vasi di altezza inferiore a 18 cm.

Suggerimenti:

  • Usa vasi auto-irriganti appositamente progettati! Riducono enormemente lo sforzo di innaffiare.
  • Compra colori chiari! Nei contenitori di colore chiaro evapora meno acqua rispetto a quelli scuri perché non si riscaldano tanto al sole.

Un vaso con un diametro di 20-25 cm è ideale per un singolo geranio.
Se desideri piantare più Gerani o combinazioni colorate con altri fiori estivi, i vasi devono essere più grandi.

Come regola generale, i gerani hanno bisogno di una distanza di 20 cm dalla pianta successiva.

Qui puoi trovare istruzioni dettagliate e illustrate su come piantarli.
Fase 1: Posiziona la zolla del Geranio in un contenitore d’acqua in modo che possa assorbirne di più.
Fase 2: Metti il materiale di drenaggio nel vaso. Riempi il contenitore per 3/4 con del terriccio fresco per Gerani.
Fase 3: Pianta i Gerani in modo che la zolla sia a filo con la superficie del terreno. Se necessario, aggiungi del terriccio. Premi delicatamente il terreno.
Fase 4: Metti il contenitore nella posizione desiderata. Acqua.

Ci sono diversi metodi per le fioriere auto-irriganti appositamente progettate.

Nota importante: attendi che non ci siano più gelate notturne prima di piantare.
I gerani reagiscono alle temperature fredde ritardando il loro sviluppo.
Le temperature inferiori ai 5° C provocano una crescita stentata e il gelo può costare loro la vita.

I Gerani possono essere combinati con tutti i fiori estivi che amano una posizione soleggiata e calda.

Possibili abbinamenti sono:

piante da fiore:
Phlox (Chaenostoma cordatum), Euphorbia ‘Diamond Frost’, Twinspur (Diacscia), verbena, petunia e altro;

piante strutturali:
erbe, incenso (Boswellia), ortaggi a radice come la patata dolce, Coleus, e altro ancora;

erbe mediterranee:
lavanda, salvia, timo, ecc.

Per posizioni soleggiate dove il calore è meno intenso, possibili abbinamenti includono impatiens, lobelia, calibrachoa ed eliotropio.

Sia i Gerani eretti sia quelli pensili possono essere piantati in fioriere o in altri contenitori. Sono bellissimi anche nei cesti appesi.
I Gerani odorosi e i Pelargoni imperiali hanno un aspetto migliore in vasi singoli, ma possono essere piantati anche ravvicinati tra di loro.
I Gerani possono anche essere piantati in aiuole. I gerani in piedi o interspecifici sono particolarmente adatti per le aiuole.
Lasciati ispirare: visita il nostro blog!

I Gerani possono trasformare il tuo balcone o la tua terrazza in una distesa di fiori colorati. I Pelargonium Regali creeranno un’atmosfera molto elegante nel vostro salotto. Le foglie dei Gerani Profumati coltivati organicamente possono essere usate per dare un tocco di sapore a insalate, dessert e limonate. Mentre i Gerani a foglia decorativa possono essere usati come piante strutturali in colorate combinazioni estive.

I Gerani vanno bene con tutte le piante che hanno le loro stesse esigenze, quindi che amano il caldo e il sole.

Piante da fiore:
Phlox (Chaenostoma cordatum), Euphorbia ‘Diamond Frost’, Twinspur (Diacscia), verbena, petunia, e altro.

Piante strutturali:
erbe, incenso (Boswellia), ortaggi a radice come patata dolce, Coleus e altro.

Erbe mediterranee:
lavanda, salvia, timo e altro.

Per le posizioni soleggiate dove il calore è meno intenso, i possibili partner includono impatiens, lobelia, calibrachoa e eliotropio.

Anche le piante in vaso come Lantana camara, plumbago o dipladenia possono essere piantate con i Gerani.

Sì, le varietà erette sono particolarmente adatte, ma vanno bene anche i Gerani a foglia larga e i profumati.
Come i Gerani da balcone posizionati nei vasi, hanno tutti bisogno di una posizione soleggiata.

Puoi piantare i Gerani nelle aiuole o sui sepolcri, appena non sono più previste le gelate notturne.
È importante ottimizzare il terreno con compost o fertilizzante a lento rilascio. Immergere le radici in acqua prima di piantarle, in modo che siano ben sature.
Piantare poi i Gerani in profondità, in modo tale che la zolla sia a filo con la superficie del terreno. Non dimenticarti di innaffiarli abbondantemente!

, i Gerani crescono molto bene in vasi auto-irriganti. Questi contenitori riducono considerevolmente lo sforzo necessario per innaffiare le piante.

Cura dei Gerani

I Gerani sono robusti, quindi possono resistere in un terreno umido per alcuni giorni. Tuttavia, un terreno completamente zuppo non fa loro bene. Ecco perché è importante fornire un buon drenaggio. È dunque meglio innaffiarli più volte, ma in quantità minori.

In estate, quando fa caldo e il sole splende, i Gerani hanno bisogno di molta acqua. Ma se non siete sicuri se innaffiarli o meno, è meglio mantenerli un po’ più asciutti.

Con le fioriere auto-irriganti appositamente progettate, le piante possono regolarsi da sole da un serbatoio d’acqua secondo le loro necessità.

Istruzioni più dettagliate su come salvare i Gerani che hanno ricevuto troppa acqua, le puoi trovare qui.

I Gerani hanno bisogno di molti nutrienti, di conseguenza hanno un alto fabbisogno di sostanze nutritive. Si potrà iniziare la concimazione dopo quattro o sei settimane, perché a quel punto saranno esaurite le prime riserve del terriccio fresco.

Quando innaffi i Gerani, una volta alla settimana, puoi mescolare nell’acqua un po’ di fertilizzante liquido.

In alternativa puoi utilizzare il concime a lento rilascio, che viene mescolato al terreno e nutrirà i Gerani per quasi tutta la stagione, oppure potrai utilizzare i bastoncini di concime in stick che hanno durano all’ incirca due o tre mesi.

Clicca qui per istruzioni dettagliate sulla concimazione.

I Gerani sono facili da curare. In particolare, le varietà a fiore singolo sopravvivono alla pioggia meglio di molte altre specie di fiori estivi, purché le loro radici non siano permanentemente a contatto con l’acqua.
Si raccomanda di controllare regolarmente che l’acqua in eccesso abbia la possibilità di scorrere al di fuori del vaso durante i temporali, e di rimuovere i fiori rotti in modo che le malattie fungine non si diffondano.

Poiché anche le sostanze nutritive vengono versate via con il deflusso dell’acqua, vale la pena di concimare regolarmente anche durante i periodi di pioggia.

È meglio potarli senza l’utilizzo di un coltello o delle forbici, in quanto gli steli sono molto solidi. Si può semplicemente afferrare lo stelo del fiore appassito, in prossimità del nodo della foglia, e staccarlo con un movimento rapido.

Puoi anche usare un coltello o delle forbici durante questo procedimento, ma è importante assicurarsi che le lame siano pulite.

, è possibile.

È importante tagliare le piante per circa 15 centimetri prima del primo gelo notturno e spostarle in un luogo fresco. Durante l’inverno non dovrai innaffiarle quasi mai. Mentre in primavera, è necessario rinvasare le piante con della terra nuova e spostarle in un luogo più caldo e soleggiato. Con un po’ di fortuna germoglieranno e fioriranno di nuovo.

Maggiori informazioni sullo svernamento le puoi trovare qui.

I Gerani hanno bisogno di luce, calore, sostanze nutritive e acqua a sufficiente per poter fiorire abbondantemente. Se li posizioni in un luogo caldo, soleggiato li concimi e li annaffi con regolarità, i tuoi Gerani ti ringrazieranno con fiori rigogliosi.

I Gerani crescono naturalmente e non hanno bisogno di essere tagliati durante l’estate. Se vuoi mantenerli post inverno, tagliali per circa 15 centimetri prima di metterle da parte per l’inverno.

I Gerani hanno bisogno di acqua solo quando il terreno è arido e asciutto. Non tollerano i ristagni d’acqua.

All’inizio della stagione, non è necessario annaffiarli tutti i giorni, ma anche durante i giorni estivi molto afosi, può essere utile annaffiare sia al mattino che alla sera.

Nota: L’irrigazione può essere necessaria anche quando piove, se il fogliame compatto non permette alla pioggia di penetrare fino alle radici.

È meglio innaffiare nelle prime ore del mattino, idealmente con acqua che è stata lasciata ristagnare un po’ piuttosto che fresca di rubinetto. Se possibile, innaffiare direttamente sul terreno e non sul fogliame e sui fiori.

I Gerani profumati amano stare in un luogo soleggiato o in semi ombra durante l’estate.

È importante innaffiare regolarmente durante la stagione di crescita e concimare con metà dose di fertilizzante liquido. Potare i germogli regolarmente per una crescita cespugliosa.

I Gerani crescono verso il sole. Per avere piante uniformi su tutta la linea, girare i vasi e le vaschette di 90 gradi ogni settimana.

Primo soccorso

La prima cosa da fare è spostare i Gerani in un luogo caldo e luminoso dove non saranno più esposti alla pioggia. Poi dipende da come sono bagnati e da quanto tempo sono stati in quello stato. A volte può essere semplicemente sufficiente evitare altre piogge.

Se i Gerani sono stati bagnati per molto tempo, consigliamo di rinvasarli in un nuovo terriccio e di non innaffiarli all’inizio. Il nuovo terreno più asciutto assorbirà l’acqua del terreno bagnato come una spugna fino a raggiungere un nuovo equilibrio. Una volta raggiunto, ricominciare ad innaffiare a piccole dosi.

Se i Gerani sono posti su sottovasi o in una fioriera in contenitore, è importante assicurarsi che l’acqua non si accumuli nel sottovaso o nella fioriera durante le piogge.

No, di regola, questo non è un male. I Gerani sono robusti e hanno bisogno di molte sostanze nutritive per fiorire abbondantemente. Non c’è motivo di preoccuparsi se hai esagerato con il concime.

Tuttavia, può essere più critico se il fertilizzante liquido è stato diluito di più di quanto illustrato sulla confezione. Più alta è la concentrazione di nutrienti nel fertilizzante liquido, peggiore potrebbe essere la situazione. A volte il fertilizzante altamente concentrato può corrodere le radici. Se l’errore viene notato rapidamente, è possibile sciacquare immediatamente la zolla con molta acqua.

La ruggine del Geranio è una malattia fungina che è caratterizzata da cerchi a forma di anello sulla parte inferiore delle foglie e da macchie giallastre sulla parte superiore delle foglie. Si genera solamente quando fa molto caldo e allo stesso tempo quando l’acqua gocciola sulle foglie e sui petali.
È importante rimuovere immediatamente le foglie infestate e gettarle nei rifiuti domestici. Per evitare il ritorno della ruggine, metti le piante a una distanza maggiore l’una dall’altra in un luogo più ventilato e fai in modo che la minor quantità possibile di acqua arrivi sul fogliame quando innaffi.

Le foglie gialle sui Gerani sono spesso un segno di carenza di nutrienti quindi in questo caso la concimazione può aiutare. Guarda i nostri consigli sulla concimazione.

Inoltre, all’inizio della stagione, quando le temperature sono ancora basse, la clorosi indotta dal freddo è comune sulle foglie giovani e può causare ingiallimento.
Questo può essere evitato proteggendo le piante dalle temperature inferiori agli 8 gradi.

Un rivestimento grigio sulle piante è solitamente dovuto a una malattia fungina chiamata botrite. Fa diventare il tessuto della pianta colpita molliccio. La botrite, o muffa grigia, si diffonde facilmente quando le piante sono molto dense, l’umidità è alta e piove da diverso tempo nei periodi più caldi.

Primo soccorso: le parti della pianta infettate dalla botrite devono essere rimosse il prima possibile.

Si può prevenire rimuovendo regolarmente i fiori sbiaditi e strappando le foglie morte.

Se il terreno si presenta secco e polveroso vuol dire che non è stato innaffiato per molto tempo. I tuoi Gerani, dunque, si staccano perché hanno usufruito della maggior parte dell’acqua immagazzinata in precedenza, e non ne hanno più a sufficienza. Quindi, riempi la loro riserva d’acqua al più presto possibile!

Al contrario, se il terreno è umido e i Gerani sono ancora cadenti, le piante sono probabilmente impregnate di molta acqua, il che significa che le radici stanno già cominciando a marcire. Potrebbero riprendersi quando l’equilibrio idrico sarà ristabilito.

Primo soccorso: Non innaffiare più, e lascia asciugare il terreno – o rinvasa subito le piante con un nuovo terriccio.

Molto raramente, le piante possono essere state colpite da una malattia fungina che impedisce loro di assorbire l’acqua. In questo caso, i Gerani di solito non possono più essere salvati.

In generale, i Gerani sono robusti e poco esigenti. Se non fioriscono, vale la pena controllare che siano nell’ambiente giusto: ovvero in un luogo caldo e soleggiato, al massimo semi-ombreggiato, con acqua a sufficienza e concimati regolarmente.
Se i Gerani non fioriscono all’inizio della stagione – nel Regno Unito verso aprile o maggio – probabilmente non hanno ancora ricevuto abbastanza luce. Questo è particolarmente probabile con le piante molto piccole, come le piante a spina che sono disponibili in confezioni multiple.

Anche le temperature inferiori ai 5 gradi possono ritardare lo sviluppo.
Quindi non piantare i Gerani all’aperto troppo presto e compra sempre quelli più robusti.

Suggerimenti su come riconoscere i Gerani di buona qualità possono li puoi trovare qui.

Le cause delle foglie rosse nei Gerani possono essere molteplici:

1. Una grossa differenza tra le temperature del giorno e della notte.
2. Troppa acqua
3. Troppa poca acqua
4. Mancanza di fosforo
5. Terreno con un basso valore di pH
6. Ruggine del geranio (malattia fungina)
7. Potrebbe essere una varietà speciale ornamentale con foglie rosse.

I Gerani devono essere tenuti al fresco durante l’inverno ma lontani dal gelo, per esempio in un garage altrettanto fresco.
Per prepararli all‘inverno, portate le piante in casa prima del primo gelo notturno e tagliatele circa 15 centimetri.

Durante la loro dormienza invernale non avranno quasi mai bisogno di acqua. In primavera, rinvasate le piante in un terreno fresco e nuovo, per poi posizionarle in un luogo più caldo. Con un po’ di fortuna germoglieranno e fioriranno di nuovo. Maggiori informazioni sullo svernamento le trovi qui.

Se i boccioli dei tuoi Gerani si seccano presto, vuol dire che qualcosa non va nel loro ambiente. La buona notizia è che se la situazione migliora, nuovi fiori spunteranno rapidamente.

Le seguenti sono le tre cause più comuni dei fiori marroni:

1. Mancanza di indurimento, ovvero il processo di esporre gradualmente le piante al clima e alle temperature esterne.
2. Mancanza di luce dovuta a una posizione troppo ombreggiata.
3. Troppa acqua all’inizio della stagione, quando le radici erano ristrette.

Se una pianta perde i suoi fiori, di solito significa che sta reagendo a un grande stress. Se un Geranio perde i suoi fiori all’inizio della primavera, probabilmente è stato tenuto in condizioni inadatte, come ad esempio in un luogo troppo buoio per diversi giorni durante il tragitto dal vivaio al negozio, o nel negozio. Più breve è la distanza dalla serra al punto vendita, minore sarà lo stress per le piante e migliore sarà la sua qualità.

Troppe annaffiature (anche se ben intenzionate) in aprile e maggio possono portare alla caduta dei fiori.

I Gerani sono robusti e facili da curare. In circostanze normali, le piante vigorose non soffrono di parassiti. Persino le lumache e i lumaconi normalmente non danno fastidio ai Gerani. Se i parassiti arrivano sulle tue piante probabilmente è un segno che sono stati indeboliti in precedenza.

– Acaro ragno
Danno: lucentezza argentea delle foglie
Intervento: potatura, eventualmente uso di un controllo biologico (insetti benefici come gli acari predatori)

– Tripidi
Danno: lucentezza argentea delle foglie
Intervento: potatura, compresse blu

– Mosca bianca
Danno: mosche bianche e rivestimento appiccicoso sulle foglie
Intervento: potatura, tavolette gialle

– Afide
Sintomi del parassita: foglie storpiate con macchie gialle, colonie di afidi neri sugli steli e sulla parte inferiore delle foglie
Intervento: potatura, insetticidi (a base biologica) contro gli insetti succhiatori

Le escrescenze sulla parte inferiore delle foglie sono chiamate “corking”. Si sviluppano quando le temperature sono fredde e il substrato è troppo umido. Questa forma non va via, ma non danneggia la pianta.

Primo soccorso: mettere le piante in un posto più luminoso e più caldo possibile. Innaffiarle quanto necessario.

Macchie giallastre sulla parte superiore della foglia in combinazione con cerchi marroni sul lato inferiore, indicano la presenza di una malattia fungina chiamata ruggine del Pelargonium.
La ruggine del Pelargonium si diffonde con temperature molto calde e parecchia umidità. Di solito la pianta nel suo insieme si rigenera, ma le foglie infestate no.

Primo soccorso: rimuovere le foglie infestate e gettarle nei rifiuti domestici. Posizionare le piante in un luogo ben ventilato e con molto spazio tra loro. Fare attenzione a non versare l’acqua sulle foglie durante l’irrigazione.

Sono moscerini dei funghi. Compaiono quando il terriccio è troppo bagnato mentre il tempo è caldo e molto umido. Le larve del moscerino dei funghi si nutrono delle radici.

Primo soccorso: lascia asciugare molto bene il terreno e in futuro innaffia solo quando la superficie del terreno è asciutta. Potete anche rimuoverli con trappole gialle appiccicose per insetti, o introducendo insetti benefici (controllo biologico), che a volte si possono trovare nei centri di giardinaggio o si possono ordinare online.